ISBN:9788898675654

Pisani e Negrini. Il luogo di Aimo e Nadia

di: Alessandro Negrini, Fabio Pisani

Poteva mancare alla collana Cuochi un volume dedicato a uno dei templi della cucina italiana?
Il luogo di Aimo e Nadia a Milano, guidato oggi da Stefania Moroni, figlia dei fondatori, e dalle esperte mani degli chef Alessandro Negrini e Fabio Pisani, apre le porte della sua cucina presentando ricette storiche e nuove proposte sempre legate ai prodotti del territorio, alle stagioni e al rispetto della grande cultura enogastronomica italiana.

68,00 47,60

Quantità
Informazioni
Panoramica

Il volume nasce dalla voglia di Alessandro Negrini e Fabio Pisani di raccontare la storia del ristorante attualizzandola nelle loro proposte, di presentare a colleghi e appassionati le ricette che hanno fatto della cucina di Aimo e Nadia un punto di riferimento nel settore, riportando l’attenzione su ingredienti e cultura locale, su piatti semplici che dei sapori e delle loro combinazioni hanno saputo fare magia.

Un vero e proprio menu che prende il via dalle verdure, nella prima sezione, che sanno divenire anche dolci nelle preparazioni Dolci ortaggi (azzardi che si chiamano Raviolo di rabarbaro e Dolce zuppa etrusca), passando poi alla pasta secca negli indimenticabili Spaghettoni al cipollotto, le Fettuccelle al ragù di mostarde e pecorino sardo stravecchio, alla pasta fresca di Omaggio a Milano e dei Ravioli di gamberi viola di Sanremo alla Verbena, e ancora il riso con un viaggio tra le più diverse regioni italiane nel Risotto all’olio extravergine d’oliva Nocellara con gamberi viola di Sanremo e origano di Vendicari o il Risotto con “pommarola” e olive Nolche. Il pesce mantenuto crudo ne Giochi di sale (di Mothia) o cotto nella Cozza farcita o negli Scampi con farina di ceci, ed ecco la carne, terreno d’elezione di Fabio Pisani con la Trippa, le versioni del Piccione (petto, coscia e consommé) e il Maialetto croccante. Alla fine arriva il dolce – mai troppo dolce! – Autunno, Pane e Marmellata, la “Michetta” e il mitico Tirami-sud, capolavoro nato dall’incontro tra Nord e Sud.

Ogni ricetta è dettagliatamente spiegata nei suoi passaggi fino alla presentazione del piatto e le definite fotografie di Adriano Mauri rendono il volume ancora più prezioso e a misura di professionista. Presentato in versione bilingue, la parte introduttiva prevede il testo sia italiano sia inglese mentre la traduzione della sezione dedicata alle ricette è accorpata in fondo al testo, questo per rendere più fruibile al lettore sia la parte narrativa sia quella propriamente tecnica.

Autore
avatar-author
Alessandro Negrini e Fabio Pisani - di Caspoggio il primo e di Molfetta il secondo, nati nello stesso anno, il 1978, entrambi con esperienze di alto lignaggio alle spalle, si sono conosciuti alla corte di sua maestà Nadia Santini, Dal Pescatore - guidano dal 2012 la cucina dello stellato Il luogo di Aimo e Nadia, dal 2014 membro Relais&Chateaux e Les Grandes Tables du Monde. Fabio si è fatto le ossa tra Parigi e Londra, Grand Vefour e Waterside Inn; Alessandro – dopo un primo stage proprio da Aimo e Nadia – frequentando le cucine dei luoghi più esclusivi dei vacanzieri del pianeta: Sankt Moritz e Punta Ala, rispettivamente ai ristoranti del Palace e del Gallia. Arrivati qui nel 2005, per ben sei anni hanno lavorato al fianco di Aimo e Nadia, carpendone segreti, tecniche, lavorazioni e passioni. Poi il debutto, un’impresa non semplice perché “Gli spaghetti al cipollotto e la zuppa etrusca non possono mancare dal menu, toglierli sarebbe come togliere la Gioconda al Louvre”, ma Fabio e Alessandro oggi possono dire di aver saputo mantenere una forte identità traghettandola verso il futuro e il mondo intero.
avatar-author
Alessandro Negrini e Fabio Pisani - di Caspoggio il primo e di Molfetta il secondo, nati nello stesso anno, il 1978, entrambi con esperienze di alto lignaggio alle spalle, si sono conosciuti alla corte di sua maestà Nadia Santini, Dal Pescatore - guidano dal 2012 la cucina dello stellato Il luogo di Aimo e Nadia, dal 2014 membro Relais&Chateaux e Les Grandes Tables du Monde. Fabio si è fatto le ossa tra Parigi e Londra, Grand Vefour e Waterside Inn; Alessandro – dopo un primo stage proprio da Aimo e Nadia – frequentando le cucine dei luoghi più esclusivi dei vacanzieri del pianeta: Sankt Moritz e Punta Ala, rispettivamente ai ristoranti del Palace e del Gallia. Arrivati qui nel 2005, per ben sei anni hanno lavorato al fianco di Aimo e Nadia, carpendone segreti, tecniche, lavorazioni e passioni. Poi il debutto, un’impresa non semplice perché “Gli spaghetti al cipollotto e la zuppa etrusca non possono mancare dal menu, toglierli sarebbe come togliere la Gioconda al Louvre”, ma Fabio e Alessandro oggi possono dire di aver saputo mantenere una forte identità traghettandola verso il futuro e il mondo intero.