ISBN:9788898675487
COD: L004 Categoria: Tag: , ,

Leeman

di: Pietro Leemann

Un libro dedicato a Pietro Leeman, alle sue ricette, alla sua storia in cucina. Un riferimento per la cucina vegetariana.

L'Autore
avatar-author
Le sue prime esperienze sono state al ristorante Bianchi di Lugano (1 stella Michelin), di cucina classica italiana e in seguito al Corviglia di Saint Moritz, di cucina classica francese. All'età di 20 anni entra a far parte della brigata dell'Hotel de Ville di Fredy Girardet a Crissier, considerato allora uno dei maggiori ristoranti di nouvelle cuisine. In seguito approda in Italia da Gualtiero Marchesi, il fautore della nuova cucina creativa italiana. A 23 anni inizia a pensare alla possibilità di diventare vegetariano. Prende un anno sabbatico, frequenta corsi di psicologia e filosofia all'Università di Ginevra, dove ha inizio la sua trasformazione. Dopo nuove esperienze di lavoro a Montreux, Ginevra e Wetzikon, si rende conto che la cucina occidentale è molto lontana dai modelli di benessere da lui auspicati. Per aprire i suoi orizzonti, decide di partire per l'Asia, vivendo tra Cina e Giappone per più di due anni. Si immerge a pieno nella cultura e filosofia di quei luoghi. Tornato in Europa, nel 1989 assieme ad un gruppo di amici apre Joia, primo ristorante vegetariano in Europa ad aver ottenuto nel 1996 una stella Michelin. Il suo intento negli anni è stato quello di influenzare lo stile alimentare italiano ed europeo per cercare di portare le persone ad una maggiore riflessione sugli aspetti salutari, etici e morali legati alla scelta del cibo. La sua cucina è composta da elementi di forma e di gusto che rappresentano la natura, intesa come punto di riferimento e di partenza per ogni ricerca di salute e piacere. È Chef Ambassador di EXPO Milano 2015, consulente di aziende alimentari, tiene corsi e conferenze in Italia e all'estero. Ha fondato Joia Academy, scuola che insegna i precetti della cucina vegetariana e nel 2014, insieme al giornalista gastronomico Gabriele Eschenazi, fonda The Vegetarian Chance, associazione culturale che intende promuovere la cucina e la cultura vegetariana.
Informazioni
Panoramica

Ideata per seguire da vicino il percorso e l’estro dei più grandi nomi della ristorazione italiana, la collana “Cuochi” si arricchisce di un volume dedicato alla cucina vegetariana e riccamente ispirata dello chef ticinese, ma milanese d’adozione, Pietro Leemann.

Pietro Leemann è un punto di riferimento. Non solo chef, alla guida del suo Joia da più di vent’anni, non solo docente alla Joia Accademy, non solo rappresentazione di una cucina etica e di ricerca. Pietro Leemann è molto di più, è l’ideatore di piatti favolistici, che traghettano oltre un elegante tavolo da ristorante, è un instancabile ricercatore di sapori e nuovi ingredienti in accordo con l’idea vegetariana che contraddistingue la sua cucina.

Già autore per Italian Gourmet del volume “In verde”, Leemann ritorna a parlare di ispirazione e natura, rivede i suoi piatti storici e le nuove avventure della sua cucina, in un ideale menu che più che articolarsi nella definizione dei sapori, sceglie i momenti e i tempi: c’è un prima, c’è un durante e c’è un poi.

Ci sono i cubi colorati e divertenti di Colori, gusti e consistenze, lo storico Appunti di viaggio, il gioco visivo e gustativo de La vita in forma, l’uovo apparente divenuto simbolo di una scelta, quella di Leemann, che non rinuncia al legame con la tradizione, ma proprio per la sua vocazione vegetariana, riesce a farsi creativa e giocando con la semplicità degli ingredienti in cucina. Il piacere a tavola segue un suo iter, si sofferma sui finger salati, sul pane casalingo, per affrontare poi piatti più completi, costruiti sempre con una forte presenza di vegetali e frutta, con l’aggiunta di carboidrati, preferendo le farine integrali o di cerali alternativi, come i ravioli di farro de L’albero della vita o il risotto mantecato de L’ombelico del mondo.

L’arabesque strizza l’occhio a sapori orientaleggianti e Be vegetarian, be happy! definisce senza imprigionarla in uno stereotipo una filosofia che attraverso il cibo diviene pensiero e approccio alla vita.

Rispetto, non violenza e amore per la natura: in una parola, Serendipity. Se la ricerca dell’ingrediente è uno degli aspetti caratterizzanti della cucina di Leemann, lo è ancora di più nei dessert, regali dolci che, abbandonate proteine e grassi, sprigionano sapori puri e naturali.

Finalmente c’è stata la pioggia, un trionfo di frutta fresca estiva, Il nuovo fascino della Sacher, la versione leggera, con farina di carruba, del grande classico della pasticceria internazionale; Macondo, la terrina al cioccolato con fichi e crema di mango. Mai pensare che si tratti di una cucina di rinuncia, quella di Leemann è una cucina di scoperta, o meglio, di riscoperta.

Il volume, composto da più di 60 ricette, rese ancora più speciali dalle immagini del fotografo Adriano Mauri, viene presentato in versione bilingue, ogni sezione prevede il testo sia italiano sia inglese mentre la parte delle ricette è accorpata in fondo al testo, in un’apposita sezione, questo per rendere più fruibile al lettore sia la parte narrativa, sia quella propriamente tecnica.