img-book
ISBN:9788898675241
COD: 599 Categoria: Tag: , ,

A tutta frutta

Confetture, marmellate, composte e gelatine
di: Gino Fabbri

Confetture, marmellate, composte e gelatine: il libro tratta le conserve in pasticceria, spaziando da quelle in barattolo, di pronta vendita, a quelle per la farcitura di crostate e biscotti, ai cocktail estivi, alle gelatine da banco.

69,00 48,30

Quantità
Informazioni
Panoramica

Il Presidente dell’Accademia Maestri Pasticceri Italiani è l’autore, per Italian Gourmet, dell’ultimo titolo della collana i Tecnici di Pasticceria, che dedica al meraviglioso mondo delle confetture

“A tutta frutta” è un titolo che parla da sé: il volume affronta il grande capitolo delle conserve in pasticceria, spaziando da quelle in barattolo, di pronta vendita, a quelle per la farcitura di crostate e biscotti, ai cocktail estivi, alle gelatine da banco. Il tema infatti è di quelli lungamente attesi dai professionisti, poiché le marmellate sono un universo in continua evoluzione sia dal punto di vista creativo che da quello pratico-tecnico.

Il maestro Gino Fabbri infatti guida il lettore lungo le 256 pagine che compongono il volume fornendogli sia le numerose ricette che possono arricchire il suo laboratorio e la sua vetrina, sia precisi e dettagliati consigli operativi che lo mettano in condizioni – anche se per la prima volta – di costruirsi una varia e accattivante linea di produzione di confetture e marmellate. Niente è lasciato al caso, a partire dalla corretta nomenclatura (si dice marmellata o confettura?): dalle gelatine alle composte, dalle basi per cottura ai confit agrodolci, alla corretta valutazione stagionale, per ottenere dalla frutta il miglior risultato in termini di gusto, ma anche la migliore resa di servizio.

In “A tutta frutta” Fabbri ha messo a disposizione la sua esperienza trentennale dando vita a un ricco ricettario che conta oltre sessanta preparazioni, riccamente illustrato e con passaggi di lavorazione step by step che facilitano la comprensione dei procedimenti e il corretto utilizzo delle attrezzature.
Che siate dunque degli appassionati del genere o dei neofiti del mondo delle confetture, non vi resta che cimentarvi nella realizzazione, seguendo indicazioni e consigli di uno dei più noti e stimati pasticceri italiani.

Autore
avatar-author
Gino Fabbri scopre la sua passione per i dolci nella pasticceria del paese di nascita, dove inizia a lavorare fin da adolescente. Dopo anni di gavetta, decide di aprire la sua pasticceria insieme alla moglie Morena: nel 1982 nasce così "La Caramella". Tutt’altro che un punto di arrivo, questa nuova realtà si rivela anzi uno stimolante punto di partenza per la sua carriera. Frequenta i corsi di alcuni grandi maestri pasticceri italiani e lentamente inizia a far conoscere ai suoi clienti l’arte della pasticceria della tradizione lavorando con materie prime eccellenti e proprie del territorio italiano. Nel 1996 entra a far parte dell’Accademia Maestri Pasticceri Italiani, prestigiosa associazione di cui è stato eletto Presidente nel 2011 e che riunisce i migliori pasticceri italiani uniti dalla voglia di promuovere qualità e professionalità nella tradizione pasticciera italiana. Partecipa a diversi concorsi, tra i quali riveste un’importanza particolare il concorso per la “Torta del Giubileo del 2000” in cui arriva al primo posto e grazie al quale ha potuto incontrare Papa Giovanni Paolo II. Nel 2009 è stato eletto dai suoi colleghi Pasticcere dell’anno, prestigioso riconoscimento per la sua professionalità e la costante ricerca della qualità nella produzione e per la sua capacità di diffondere le sue conoscenze senza riserve. Nel 2015 Sigep Rimini lo premia riconoscendogli un ringraziamento speciale come padre della pasticceria italiana, capace di promuovere l’arte dolciaria nel mondo. Sempre nel 2015, in qualità di Presidente del Club de la Coupe du Monde de la Patisserie, accompagna la squadra italiana composta da Emmanuele Forcone, Francesco Boccia e Fabrizio Donatone a Lione conquistando la medaglia d’oro e riportando quindi in Italia la Coppa dopo 18 anni.